Benvenuti al Circolo Esperantista Milanese

la cui storia comincia nel 1906. Emanazione locale della Federazione Esperantista Italiana, il C. E. M. si propone di promuovere l'uso della lingua internazionale Esperanto nella comunicazione tra i popoli e le culture diverse, favorendo così  la comprensione ed i pacifici rapporti fra le genti.
 
Tra le sue varie attività aperte a tutti gli interessati, anche se non soci, possiamo citare incontri, dibattiti, conferenze, corsi d'apprendimento della lingua esperanto.
La sede è, sita a Milano in via De Predis, 9 (ingresso da via Bramantino) normalmente aperta tutti i giovedì sera dopo le ore 21.15 per le abituali riunioni dei soci e non: in tali occasioni si svolgono le attività previste dal programma, che viene pubblicato ogni due mesi e diffuso tramite il nostro bollettino informativo, tramesso tramite posta elettronica e pubblicato anche nell'apposita sezione di questo sito.
Solitamente, un giovedí al mese, la riunione viene preceduta da un incontro conviviale in pizzeria (anche questo aperto a tutti), seguito da una particolare attività o conferenza.
La sede ha un ingresso diretto su strada in via Bramantino, in prossimità dell'angolo con via De Predis nella quale, al numero 9, è il recapito ufficiale del Circolo.
Ci puoi trovare anche su Facebook
Vuoi altre informazioni ? Scrivi a esperantomilano@yahoo.com
Oppure a info.esperanto.milano@gmail.com

Scarica l'ultimo bollettino informativo InforMilano novembre-dicembre 2018
 

Le attività particolari del giovedí in sede - Trovi qui il programma dettagliato

  • 15 Novembre: seminario a cura del dott. Riccardo Lamperti LA KULTURA IDENTECO NE EKZISTAS
    Presentazione del libro del filosofo francese François Julien
  • 13 Dicembre: seminario a cura del dott. Giovanni Daminelli L'EPISTOLARIO DI ZAMENHOF
    Alla scoperta della personalità di Zamenhof attraverso la sue lettere
  • 20 Dicembre: ARRIVA BABBO NATALE
    tradizionale incontro con scambio di regali
  • 17 Gennaio: proiezione sulla LA GIORNATA DELLA MEMORIA a cura di Cristina Bollini
    Un viaggio nei ricordi per non dimenticare